Sono venuto per sfilare con voi

Sono venuto proprio per sfilare con voi… alla Festa della Repubblica.

Roma 2 giugno. La zona attorno ai Fori Imperiali è un via vai di gente in uniforme e non che si prepara ad assistere alla tradizionale parata. Qualcuno, in servizio, sta controllando la gente che arriva, mette a punto gli ultimi dettagli, ma ormai ci siamo. Il Presidente della Repubblica a momenti passerà in rassegna i Reparti che poi sfileranno.

Anche la Banda dell’Arma dei Carabinieri, con i suoi maestri, si sta preparando all’arrivo del Presidente insieme ad un ospite illustre: Alessandro, un ragazzo con sindrome di down che indossava una perfetta uniforme blu dell’Arma dei Carabinieri e che, nell’attesa, stava facendo alcune fotografie con i vari componenti.

Sorrisi, abbracci, Alessandro è un membro onorario di quella banda e tutti i componenti ne sono orgogliosi fin quando il tempo dei preparativi deve cessare: il Presidente della Repubblica è ormai prossimo.

“Alessandro”, dice uno dei componenti della banda “adesso partiamo assieme per un breve tratto e poi però devi lasciarci”.

Ma Alessandro, con la serenità di chi si sente membro della famiglia, risponde con estrema serenità “Sono venuto per sfilare con voi, e farò la sfilata con voi”.

Nessun imbarazzo nella banda, anzi , quel ragazzo era venuto proprio per sfilare e non gli si poteva certo impedire quel momento di gioia estrema.

Inizia la sfilata, Alessandro è con la Banda,  in completa uniforme da CC ha sfilato per tutto il percorso, tribuna d’onore compresa, fino al teatro Marcello. E per essere sempre vicino ai colleghi, lo ha fatto sempre a passo, salutando tutti e tutte come chi ha sempre sfilato in circostanze simili.

Quel momento di gioia si mantiene vivo per tutta la sfilata, con grandi applausi da parte del pubblico e un breve momento di gioia condiviso con chi… era venuto per sfilare con loro.

Sono le piccole cose, i piccoli gesti che fanno grandi gli uomini e qui gli uomini grandi sono stati molti, sicuramente Alessandro, sicuramente i componenti tutti della Banda ma soprattutto il pubblico che ha condiviso con loro la gioia di un Carabiniere d’eccezione.

Precedente Due rose... Successivo Dolcetto o scherzetto in caserma