Crea sito

Un cuore d’oro

La crisi economica colpisce ogni giorno giovani e meno giovani e il sogno, spesso solo un miraggio, di un posto di lavoro spinge chi ne è alla ricerca a viaggi della speranza. Proprio un viaggio della speranza era quello che una giovane coppia siciliana aveva fatto da Caltanissetta a Pedara, cittadina ai piedi dell’Etna in provincia di Catania.

PedaraDovevano fare un colloquio di lavoro ed erano partiti pieni di speranza verso Pedara. Lungo la strada la consapevolezza che la situazione era veramente drammatica e che i soldi bastavano solo per l’andata così che se il colloquio non fosse andato come sperato, il ritorno a casa sarebbe diventato quasi impossibile.

I sogni terminano al risveglio e quel sogno lungo la strada di andata è terminato proprio dopo il colloquio di lavoro conclusosi in modo negativo. I due si ritrovano nell’atrio della struttura in cui avevano visto il proprio sogno infrangersi senza soldi per tornare a casa e con la sera che avanzava veloce. Dove dormire? Cosa mangiare? Come tornare a casa? In quei momenti erano solo questi i pensieri della coppia.

Qualcuno li nota, seduti e con lo sguardo spento danno l’impressione di aver bisogno di aiuto. Il pensiero di chi li nota corre ai Carabinieri della Stazione di Pedara. I Carabinieri? Si… Proprio i Carabinieri vengono allertati per segnalare quella coppia in difficoltà.

Carabinieri

Quando la pattuglia arriva trova un uomo e una donna stanchi e spenti nell’animo. Poco occorre ai Carabinieri per ricostruire l’accaduto e ancor meno occorre loro per trovare una soluzione, almeno temporanea, ai loro bisogni. Il Carabiniere che fa servizio in una piccola Stazione conosce bene il territorio, conosce le persone e il loro cuore generoso. La coppia viene quindi accompagnata alla Casa famiglia “Oasi della Divina Provvidenza” di Pedara dove sono certi di trovar loro ospitalità gratuitamente.

La coppia viene lasciata nelle sapienti e accoglienti braccia dei titolari della Casa famiglia che ha subito fornito l’alloggio necessario. Proprio mentre i due nuovi ospiti si sistemavano alla porta bussano una seconda volta. I Carabinieri sono tornati e hanno portato un vassoio di “tavola calda” acquistato con i soldi del proprio stipendio. Un piccolo omaggio verso quei due giovani in difficoltà. Nonostante il gesto compiuto, i due Carabinieri si rammaricano profondamente perché avrebbero voluto donare di più, profondamente commossi per la situazione in cui si erano trovati ad intervenire quella sera.

Un turno, un gesto, un intervento che sarà difficilmente dimenticato sia dai Carabinieri che da quella coppia aiutata da coloro che vivono, da due secoli, al servizio del cittadino.

2 Risposte a “Un cuore d’oro”

  1. Che Dio possa benedire tutti i Carabinieri Onesti di Italia Meritevoli : porgere una mano a Loro ed a tutti i Cittadini Onesti di Italia Meritevoli che,a causa della crisi economica,stanno sprofondando nella disperazione,nella fame e nei suicidi !

I commenti sono chiusi.